giovedì 5 marzo 2015

MAGISTRATURA: L'EVENTUALE RINVIO DEGLI SCRITTI NON CI COGLIE IMPREPARATI! A GIUGNO COMINCIA LA II SESSIONE DELL'AVANZATO!

Il possibile slittamento degli scritti del concorso per magistrato ordinario da 340 posti non ci coglie impreparati. Sia il corso ordinario che l'avanzato si concluderanno verso la fine di maggio, mentre alla fine del mese di giugno inizierà la seconda sessione del corso avanzato che si concluderà a dicembre 2015. Proprio quest'ultima rappresenta l'approdo ideale nel caso in cui, a causa del ricorso contro il bando, le prove dovessero essere spostate a novembre 2015 o oltre. Tutto dipenderà da quello che deciderà il Tar Lazio. In caso di accoglimento, anche parziale, gli effetti potrebbero essere esplosivi.
 
Lo scorso anno il tribunale laziale sorprese tutti accogliendo il ricorso di un aspirante portatore di handicap. Gli scritti furono svolti ugualmente perché le parti trovarono un accordo che permise al disabile di fare la sua terapia e di partecipare alle prove. Quest'anno la situazione è più complessa perché non si tratta di gestire la posizione di un candidato bensì di una moltitudine e nulla esclude che altri ricorsi, oltre a quello dello studio Giurdanella, siano stati presentati. Al momento, non si conosce ancora la data della udienza, ma il fatto che il ministero abbia indicato già il mese di luglio 2015 come data degli scritti anziché fine maggio come da previsioni iniziali lascia presagire che si attendono sviluppi non prevedibili e preferiscono tenersi larghi con i tempi per gestire eventuali situazioni derivanti dai provvedimenti del Tar del Lazio.
 
Il 23 giugno 2015 inizia il nostro Corso Intensivo di Avvocato con molte novità rispetto alla passata edizione. Per informazioni scrivete a formazioneconcorsi@gmail.com
 
Il modulo di base sarà articolato in venti lezioni, di cui 10 di diritto civile e 10 di diritto penale. In ciascuna lezione sarà contenuta una traccia di parere e una traccia di atto giudiziario insieme al testo completo della giurisprudenza più recente. Le sentenze saranno scelte tra quelle che presentano un riepilogo di tutti gli orientamenti che si sono avvicendati in merito alle questioni toccate dalle lezioni. In tutto ci saranno 40 tracce, di cui 20 di civile e 20 di penale. La correzione sarà garantita sul 100% degli elaborati che ci perverranno. La consegna dovrà essere curata dall'iscritto mediante e-mail. I testi corretti saranno restituiti agli aspiranti sempre tramite mail. In caso di esito negativo della correzione, sarà consentito agli iscritti che ne faranno richiesta di svolgere nuovamente l'elaborato fruendo dei consigli e dei suggerimenti dati in sede di correzione per valutare i progressi fatti.
 
Il modulo avanzato presenta una identica struttura del modulo base salvo che per un elemento: per ciascuna traccia di parere motivato e di atto giudiziario sarà inviato il relativo svolgimento. In tal modo, gli aspiranti, specie quelli meno esperti, potranno godere durante la redazione degli elaborati di un prezioso ausilio di sostegno.
 
I costi dei due corsi saranno diversi:
 
- il modulo di base avrà un costo di 350,00 euro (Iva inclusa).
- il modulo avanzato avrà un costo di 550,00 euro (Iva inclusa).
 
Nel corso non è previsto l'utilizzo di manuali e riviste. Se, come riteniamo, sarà votata la proroga dell'emendamento, l'attenzione sarà focalizzata sull'approfondimento delle questioni trattate e sull'apprendimento delle tecniche di redazione di pareri e atti.
 
Il modulo di iscrizione al corso è il seguente:
 
Io sottoscritto/a..............................................................................nato/a..............il.....................residente in........................... via...................... n.... tel./cell.................. con il presente atto chiedo di essere iscritto al corso intensivo di Avvocato 2015.
 
Il modulo va inviato a: formazioneconcorsi@gmail.com Info: 3318136066.

Per quanto riguarda il Corso Avanzato di Magistratura, I sessione, ricordiamo che le iscrizioni al momento sono chiuse e che è possibile presentare domanda di adesione per il solo Corso Ordinario. Chi si iscriverà entro il 31 marzo riceverà tutte le lezioni arretrate, che sono circa 30. I nostri corsi, diretti dall'Avv. Luigi Carfora, sono gli unici che non prevedono l'utilizzo di manuali. Il materiale è fornito dal corso e si compone oltre al testo completo delle sentenze di riferimento, di dispense complete all'interno delle quali si trova sia la parte dottrinale che giurisprudenziale. Il costo è di 900,00 euro ma i nuovi iscritti hanno diritto allo sconto del 20% per un totale di 720,00 euro.

NUOVO BANDO IN ARRIVO NEL 2015?

La questione è particolarmente delicata e preferiamo parlarne in privato nella nostra Newsletter informativa. L'iscrizione è gratuita. Ecco il modulo:

Io sottoscritto/a..............................................................................nato/a..............il.....................residente in........................... via...................... n.... tel./cell.................. con il presente atto chiedo di essere iscritto alla newsletter informativa.
 
Il modulo va inviato a: formazioneconcorsi@gmail.com Info: 3318136066.

RICHIEDI UNA LEZIONE OMAGGIO DEI NOSTRI CORSI

Per richiedere una lezione omaggio dei nostri corsi, il modello è il seguente:

Io sottoscritto/a..............................................................................nato/a..............il.....................residente in........................... via...................... n.... tel./cell.................. con il presente atto chiedo di ricevere una lezione omaggio del corso ordinario o del corso avanzato di magistratura.
 
Il modulo va inviato a: formazioneconcorsi@gmail.com Info: 3318136066.

lunedì 23 febbraio 2015

CONCORSO IN MAGISTRATURA: IMPUGNATO IL BANDO DA 340 POSTI! RINVIO DEGLI SCRITTI AD OTTOBRE 2015? ECCO I POSSIBILI ESITI!

Come era da aspettarsi, i nuovi requisiti di ammissione alle prove scritte del concorso per magistrato ordinario hanno scatenato una ridda di polemiche. Nessuna sorpresa nell'apprendere del deposito dei ricorsi contro il bando, che potrebbero determinare un rinvio degli scritti previsti, secondo indiscrezioni, nella prima metà del luglio 2015. Il ricorso è stato presentato il 3 febbraio dallo studio legale Giurdanella ed iscritto al numero di ruolo 1735/2015. Secondo i promotori della importante iniziativa, il bando presenterebbe vari profili di illegittimità, tra cui il più rilevante è l'evidente disparità di trattamento tra coloro che hanno svolto la pratica forense all'Avvocatura di Stato e coloro che hanno svolto la pratica presso gli studi legali ordinari.
 
Nel vecchio regime era previsto che soltanto il conseguimento dell'abilitazione della professione forense costituisse titolo per la partecipazione al concorso. La pratica, sia che fosse svolta presso gli enti pubblici, sia presso gli studi legali ordinari, non aveva valenza. Evidente la ratio della norma: soltanto coloro che avevano superato l'esame di Stato potevano vantare una preparazione adeguata per affrontare nel migliore dei modi il concorso. Non i praticanti, la cui preparazione non poteva essere certificata in alcun modo. Ad aggravare ancor più il quadro normativo è previsto che anche lo stage presso le procure della repubblica costituisca titolo per l'accesso! E qui sorge un altro problema, perché chi ha svolto stage presso altri enti potrebbe ritenere di avere titolo di partecipazione! Nel vecchio regime i requisiti avevano un comune denominatore: alla fine del percorso era previsto un esame di attestazione, non presente invece nei nuovi requisiti. Un elemento che potrebbe convincere il Tar del Lazio ad annullare il bando per violazione di legge o per eccesso di potere. E i presupposti ci sono tutti.
 
Il Tar potrebbe annullare il bando e quindi il concorso salterebbe oppure potrebbe annullare soltanto la parte che consente attualmente ai praticanti presso l'avvocatura di Stato e agli stagisti di partecipare con conseguente esclusione. Ciò innescherebbe migliaia di richieste di risarcimento danni nei confronti del ministero della giustizia da parte degli esclusi! Difficile ipotizzare una decisione di rigetto. Il bando, così com'è adesso, presenta un evidente profilo discriminatorio, avendo operato una distinzione tra praticanti presso gli studi ordinari e praticanti presso l'avvocatura di Stato che non ha alcuna logica. Evidenti le censure di logicità e della ragionevolezza che potrebbero indurre la Corte Costituzionale, se la questione fosse rimessa ad essa, di considerare illegittime le norme. Vi è anche la possibilità di un intervento della corte dell'UE per contrarietà del diritto comunitario. Esiti che, nella migliore delle ipotesi, potrebbero favorire il rinvio delle prove scritte a ottobre del 2015 con riapertura dei termini per i candidati al momento esclusi. La situazione è, perciò, molto ingarbugliata.
 
Il Tar del Lazio non è nuovo a decisioni clamorose. Già lo scorso anno venne accolto il ricorso di un aspirante portatore di handicap. Le prove ebbero comunque luogo dopo che al candidato venne garantita la possibilità di sottoporsi alla terapia e svolgere le prove, mercè un ritardo significativo il terzo giorno degli scritti. Seguiremo la vicenda da vicino tenendovi costantemente informati. Info: 3318136066.

venerdì 20 febbraio 2015

CORSI: IL MODELLO PER LA RICHIESTA DI UNA LEZIONE OMAGGIO!

I nostri corsi per il concorso in magistratura sono gli unici che non prevedono l'uso di manuali. Il materiale viene fornito dal corso ed è costituito dalle superdispense, in cui è contenuta sia la parte dottrinale che giurisprudenziale. Ogni dispensa è formata da un minino di 15 ad un massimo di 60 pagine. Il modello ideale per prepararsi, avendo poco tempo a disposizione. Il materiale è composto dai file inviati sulla vostra casella mail e senza necessità di connessione alla rete durante la fruizione. Cosa aspetti?
 
Per una lezione omaggio e il documento informativo del corso scrivi una mail usando il seguente modello di richiesta personalizzato:
 
Io sottoscritto/a.................................. nato/a a.............. il.............. residente in........................... via...................... n.... tel./cell.................. con il presente atto chiedo di ricevere il Documento Informativo del Corso Ordinario di Magistratura 2014-15.
 
Riceveranno risposta i moduli completi con tutte le informazioni richieste. Il modulo deve essere inviato a: formazioneconcorsi@gmail.com o chiamate il 3318136066.

mercoledì 18 febbraio 2015

CORSO ORDINARIO DI MAGISTRATURA 2014-15: TUTTE LE NOVITA'

Oggi parliamo del nostro Corso Ordinario di Magistratura. A differenza di altri corsi, in cui vi viene imposto di acquistare manuali, monografie, speciali e riviste, il nostro corso non prevede l'ausilio di strumenti didattici esterni. Non siamo una casa editrice e non abbiamo interesse a vendere libri. Quando mancano così pochi mesi alle prove scritte, che senso ha comprare costosissimi manuali che richiedono moltissimi mesi per essere assimilati, senza contare il fatto che nel frattempo,la giurisprudenza non si ferma e si arricchisce di contenuti? L'ideale è concentrare l'attenzione su un supporto ad hoc per gli scritti. Noi le abbiamo definite superdispense per indicare che non si tratta di semplici dispense di poche pagine, ma di un corpus formato da un minimo di 15-20 pagine ad un massimo di 35-40 pagine, in cui è compendiato l'indispensabile sugli argomenti scelti. L'idea è venuta quando gli aspiranti ci hanno chiesto se esistesse un manuale con l'indispensabile per il concorso in magistratura.
 
Oltre al risparmio di tempo, la novità delle nostre superdispense è rappresentata dal modo in cui è possibile fruirne. In luogo di pesanti volumi, impossibili da trasportare, le nostre superdispense sono realizzate solo in formato digitale in file word o pdf. Ciò che le rende leggibili su ogni tablet o uno smartphone evoluto. Oggi lo studente che passa intere giornate a casa a studiare in una stanza piena di libri non esiste più. Il suo posto è stato preso dallo studente lavoratore, che è costretto a dividere il tempo dello studio con il lavoro e spesso con la famiglia o che, come capita sovente, passa una o più ore sui mezzi pubblici per recarsi al luogo di lavoro. Perché perdere quelle due ore preziose? Basta aprire lo zainetto, tirare fuori il tablet (oggi in commercio se ne trovano a prezzi accessibilissimi, anche nell'ordine di 50-60 euro), accenderlo, aprire il file contenente le superdispense e studiarle!
 
Per avere una descrizione del Corso Ordinario, potete scriverci e avere gratuitamente il Documento Informativo del Corso con tutte le indicazioni.

Ecco il modulo da riempire:
 
Io sottoscritto/a.................................. nato/a a.............. il.............. residente in........................... via...................... n.... tel./cell.................. con il presente atto chiedo di ricevere il Documento Informativo del Corso Ordinario di Magistratura 2014-15
 
Riceveranno risposta i moduli completi con tutte le informazioni richieste. Il modulo deve essere inviato a: formazioneconcorsi@gmail.com o chiamate il 3318136066.

lunedì 16 febbraio 2015

MAGISTRATURA: IL 28 FEBBRAIO SCADE LO SCONTO SULL'AVANZATO!

Il 28 febbraio 2015 si concluderà la promozione, già più volte prorogata, che prevede lo sconto del 20% per l'iscrizione al corso avanzato di magistratura. Da marzo, quindi, ci si potrà iscrivere solo a costo intero. La promozione viene confermata invece per il corso ordinario. I nostri corsi sono gli unici che non prevedono i manuali. Il materiale didattico è costituito dalle superdispense, in cui è compendiata tutta la dottrina e la giurisprudenza di riferimento delle questioni trattate. Gli argomenti sono selezionati tra quelli con maggiori chance di essere sorteggiati in sede di scritti. Questo metodo ci ha permesso di centrare due tracce su tre al concorso per magistrato da 365 posti. Il tempo per decidere è breve. Secondo le indiscrezioni, le prove scritte del concorso da 340 posti dovrebbero avere luogo verso la seconda settimana di luglio, anche se in tal caso potrebbero esserci delle sorprese. Maggiori dettagli saranno forniti nei prossimi giorni. Seguiteci con attenzione o scriveteci a formazioneconcorsi@gmail.com

venerdì 13 febbraio 2015

ESAME AVVOCATO: TUTTE LE NOVITA' DEL CORSO INTENSIVO 2015!

Il 23 giugno partirà, come annunciato, il nostro corso intensivo di Avvocato e in attesa che si voti il decreto milleproroghe, da cui dipende il destino dell'emendamento che rinvia di due anni l'entrata in vigore delle nuove regole per l'accesso alla professione forense, ne approfittiamo per chiarire un punto in ordine al quale ci hanno scritti in parecchi aspiranti circa i contenuti che il corso avrà o potrebbe avere a seconda di come andrà la votazione al senato. Se l'emendamento non dovesse passare, ma tutto fa penare che sarà votato senza problemi, il discorso diventa più complesso. Senza i codici commentati l'intensivo dovrà essere adeguato alla nuova realtà, che in ogni caso si concretizzerà a partire dall'esame 2017. Assumendo che la votazione non desti sorprese, il corso presenterà due diversi moduli: uno detto di base e uno avanzato. La direzione del corso sarà affidata all'Avv. Luigi Carfora, che si occupa dei nostri corsi di magistratura [il corso ordinario e il corso avanzato].
 
Il modulo di base sarà articolato in venti lezioni, di cui 10 di diritto civile e 10 di diritto penale. In ciascuna lezione sarà contenuta una traccia di parere e una traccia di atto giudiziario insieme al testo completo della giurisprudenza più recente. Le sentenze saranno scelte tra quelle che presentano un riepilogo di tutti gli orientamenti che si sono avvicendati in merito alle questioni toccate dalle lezioni. In tutto ci saranno 40 tracce, di cui 20 di civile e 20 di penale. La correzione sarà garantita sul 100% degli elaborati che ci perverranno. La consegna dovrà essere curata dall'iscritto mediante e-mail. I testi corretti saranno restituiti agli aspiranti sempre tramite mail. In caso di esito negativo della correzione, sarà consentito agli iscritti che ne faranno richiesta di svolgere nuovamente l'elaborato fruendo dei consigli e dei suggerimenti dati in sede di correzione per valutare i progressi fatti.
 
Il modulo avanzato presenta una identica struttura del modulo base salvo che per un elemento: per ciascuna traccia di parere motivato e di atto giudiziario sarà inviato il relativo svolgimento. In tal modo, gli aspiranti, specie quelli meno esperti, potranno godere durante la redazione degli elaborati di un prezioso ausilio di sostegno.
 
I costi dei due corsi saranno diversi:
 
- il modulo di base avrà un costo di 350,00 euro (Iva inclusa).
- il modulo avanzato avrà un costo di 550,00 euro (Iva inclusa).
 
Nel corso non è previsto l'utilizzo di manuali e riviste. Se, come riteniamo, sarà votata la proroga dell'emendamento, l'attenzione sarà focalizzata sull'approfondimento delle questioni trattate e sull'apprendimento delle tecniche di redazione di pareri e atti.
 
Il modulo di iscrizione al corso è il seguente:
 
Io sottoscritto/a..............................................................................nato/a..............il.....................residente in........................... via...................... n.... tel./cell.................. con il presente atto chiedo di essere iscritto al corso intensivo di Avvocato 2015.
 
Il modulo va inviato a: formazioneconcorsi@gmail.com Info: 3318136066.

mercoledì 11 febbraio 2015

Esame avvocato 2015: la Camera approva la proroga! Ma il Senato cosa farà?

Una delle principali preoccupazioni per gli aspiranti avvocati in questi ultimi mesi era rappresentata dal timore di non poter utilizzare i codici commentati durante gli scritti. L'art. 49 della legge n. 247/2012 stabilisce il divieto di uso di codici contenenti annotazioni e massime di giurisprudenza, rendendo molto più gravoso un esame che, alla luce delle direttive provenienti dai vertici forensi nazionali, si annuncia complesso. L'entrata in vigore delle nuove norme era stata prorogata di due anni e con l'esame di dicembre 2015 gli aspiranti professionisti forensi avrebbero dovuto fare a meno, per la prima volta, dei codici commentati. Come scuola di formazione, avevamo già da tempo predisposto le modifiche necessarie ai nostri corsi pronte ad essere varate per il nuovo esame forense. Poi hanno iniziato ad addensarsi le voci di una nuova, possibile proroga e la speranza degli aspiranti si è così riaccesa. Non che l'uso dei codici renda particolarmente semplice l'esame, ma la prospettiva di avere già a portata di mano tutte le sentenze più significative, solleva molti dalla necessità di memorizzare gli orientamenti giurisprudenziali al pari di coloro che studiano per il concorso in magistratura. Il tutto grazie al noto Decreto Milleproroghe, cioè l'ultimo provvedimento emanato dal governo pochi minuti prima dello scoccare della mezzanotte del 31 dicembre 2014.
 
Come già annunciato dal premier nella conferenza di fine anno si tratta di uno dei decreti Milleproroghe più snelli presentati negli ultimi anni dia vari governi. In tutto, 15 gli articoli del provvedimento, comprensivo dell’entrata in vigore sancita prima dell’avvento del nuovo anno. Il Parlamento ha a disposizione sessanta giorni per convertirlo in legge dello Stato, pena la decadenza delle proroghe concesse. Tra le proroghe quella che allunga di altri due anni l'entrata in vigore dell'art. 49 della legge di riforma forense. Il passaggio alla camera dei deputati è avvenuto il 6 febbraio e l'emendamento è stato approvato con 354 si e 167 no. Un solo astenuto. In realtà, il voto alla camera non era in discussione visto che il PD gode di ampia maggioranza. Meno scontata sarà la battaglia al Senato, dove i rapporti di forza sono diversi. Il PD non  ha la maggioranza assoluta e siccome le proroghe vengono contestate da una robusta fetta di parlamentari di sinistra, che in esse vedono una sorta di colpo di spugna sull'entrata in vigore delle riforme, non è detto che l'emendamento venga infine approvato. Al Senato il testo arriverà blindato e senza possibilità di modifiche, vista l’imminente scadenza per la conversione entro il prossimo 1 marzo. Per tale motivo, aspetteremo tale data: se sarà conversione, il corso resterà invariato, altrimenti faremo partire subito le modifiche.

lunedì 9 febbraio 2015

Esame Avvocato. Il parere motivato: questo sconosciuto!

Il 23 giugno 2015 inizieremo il corso intensivo di Avvocato, che come quello della scorsa edizione, si articolerà in 20 lezioni settimanali. L'iniziativa è consigliata a chi deve sostenere le prove scritte dell'esame di abilitazione forense a dicembre e si prefigge due obiettivi: il miglioramento della preparazione individuale sugli argomenti toccati dalle lezioni; l'apprendimento rapido di un metodo di redazione di pareri e atti giudiziari. La lieta novella della proroga di alti due anni della possibilità di usare in sede di esame i codici commentati ha fatto felici parecchi aspiranti, ma la realtà parla ancora di un test molto duro. Sebbene l'atto giudiziario costituisca terreno di esercizio nella pratica presso gli studi legali, il parere è per molti un universo totalmente sconosciuto.
 
Di qui la domanda: cos'è esattamente un parere motivato? Dare una risposta in questa sede non è possibile e richiederebbe un tempo eccessivo. Il parere, in parole povere, rappresenta la trasposizione su carta della parte fondamentale del lavoro dell'Avvocato. Quando il cliente illustra al professionista una determinata problematica, le risposte che l'Avvocato deve fornire sono diverse: il quadro normativo di riferimento, l'analisi compiuta della giurisprudenza e l'illustrazione dei pro e dei contro delle varie opzioni che si aprono nel caso concreto. Solitamente, ciò avviene solo in parte. Il professionista rimanda il cliente ad un appuntamento successivo in cui sarà precisato il quadro completo della situazione con tutte le variabili possibili e immaginabili.
 
Agli scritti, però, l'aspirante deve mettere tutto su carta. Il parere non è un tema di diritto come quello che caratterizza le prove scritte del concorso in magistratura. Non è una dissertazione di una questione sorta nella pratica del dibattito giurisprudenziale. Esso si compone di due parti. Nella prima, di natura oggettiva, va ricostruito il quadro normativo di riferimento. Nella seconda, di natura soggettiva, si deve aprire il ventaglio di possibilità di difesa del cliente e per ognuna di esse è necessario procedere ad una analisi compiuta della giurisprudenza maggioritaria e minoritaria. Il cliente va edotto su ogni questione e in specie sui rischi che ciascuna opzione comporta per la sua sfera giuridica. Il tutto nell'arco di 3-4 facciate e indicazione della soluzione.
 
Nella redazione del parere tutti questi aspetti vengono sovente ignorati o vergati con approssimazione e l'esito in sede di correzione è sempre negativo. E' dallo svolgimento del parere che il commissario preposto alla correzione si rende conto se il candidato è o meno in possesso degli strumenti necessari per essere un Avvocato. La preparazione conta, ma rileva soprattutto la forma mentis, senza mai dimenticare che nel parere emerge il profilo soggettivo. Nel nostro corso cercheremo di facilitare l'apprendimento di un metodo ottimale di redazione di pareri e atti giudiziari. In tutto sono previsti 20 pareri e 20 atti giudiziari, che spazieranno tra le questioni aventi maggiori possibilità di essere sorteggiate in sede di esame tra quelle all'attenzione della giurisprudenza recente.
 
La correzione è prevista sul 100% degli elaborati e prevede, in caso di esito negativo, la possibilità di riscrivere l'elaborato fruendo dei consigli e dei suggerimenti dati nella correzione. Su richiesta viene fornito lo svolgimento corretto del parere e una scaletta che faciliti la redazione durante le prime lezioni. Il corso è online e partirà, come detto, il 23 giugno 2015 per una durata di quattro mesi. Il costo è di 650,00 euro, ma in questi giorni è attiva la promozione che permette l'adesione con lo sconto del 30%. Superare l'esame ora è fondamentale. Non ci saranno altre proroghe, per cui al fine di evitare di cadere sotto il regime che dal 2017 vieterà i codici commentati, occorre compiere adesso tutti gli sforzi necessari per conseguire l'importante e prestigioso obiettivo.